Esaurimento Milan, stasera Juve Porto per la Champions

Esaurimento Milan, stasera Juve Porto per la Champions

Esaurimento Milan, stasera Juve Porto per la Champions

Dopo Juve Milan, si torna in campo per la Champions League. Stasera, bianconeri in difesa dello zero a due ottenuto fuori casa all’andata contro un Porto che vorrà giocarsi il tutto per tutto. Partita dalle mille insidie proprio perché sembra, solo all’apparenza, già fatta. Attenzione perché in Europa sono spesso i dettagli a cambiare il destino di una stagione. Un’espulsione, un infortunio, la deconcentrazione, talvolta, quando uno o più di questi fattori, sono concomitanti, il pericolo di una disfatta aumenta a dismisura. Allegri lo sa e farà di tutto per ripartire da un ipotetico zero a zero.

Milan, esaurimento totale

Cortocircuito Milan, i rossoneri hanno dato fuori di testa venerdì notte. I “meravigliosi”, da quando all’andata riuscirono, dopo un conciliabolo di qualche minuto, a far cambiare idea a Rizzoli,  hanno preso l’abitudine, ad ogni piè sospinto, di contestare l’arbitro. Lo fanno verbalmente ma spesso, arrivano a sfiorare lo scontro fisico con i direttori di gara. Facciamo un passo indietro, 26° giornata, Sassuolo Milan. In questa gara, quello che viene negato alla squadra di casa in termini di rigori e sanzioni è da leggenda. Una roba del genere, una squadra di media-bassa classifica tipo il Sassuolo, la accumula in un girone. I “meravigliosi” hanno stabilito il nuovo record di impunità in un match, tra rigori non dati, ammonizioni ed espulsioni non comminate. Difficile  batterli su questo terreno, sono i migliori. Contro il Chievo, una settimana dopo, i rossoneri si vedono assegnare due rigori. Il primo, udite udite, per fallo di mano in area di un giocatore ospite, il secondo, per un fallo inesistente su Bacca che incespica calciando la terra. Questi sono i “meravigliosi”, in una settimana collezionano tre rigori a favore, di cui uno battuto in maniera irregolare ma convalidato. Agli avversari vengono negati rigori in serie eppure, i rossoneri, non imbrattano spogliatoi e non digrignano i denti in faccia a nessuno.

La sportività di Gigio Donnarumma

Giovane e forte portiere, piccolo uomo per il momento. Già all’andata il suo fare minaccioso verso gli addizionali e l’arbitro andava sanzionato, venerdì ha esagerato. Proteste fuori luogo, ci sta il bacio alla maglia che indossa ma le frasi pronunciate a sproposito uscendo dallo Stadium non vanno dimenticate.

Di cosa si lamenta il Milan?

All’andata vincono grazie all’annullamento di un goal valido di Pjanic. Arbitro Rizzoli, addizionale Massa. Al ritorno, arbitro Massa, addizionale Doveri, cronologicamente succede questo: Rigore negato su Dybala all’ottavo minuto. Pareggio di Bacca in fuorigioco. Mani in area del Milan di Bacca che rinvia scompostamente. Fallo di mano in area di De Sciglio su cross di  Lichtsteiner.

Il regolamento parla chiaro, la volontarietà è una discrezione, la devi intendere. Contro il Chievo il direttore ha inteso che c’era e ha dato rigore al Milan. Contro la Juve, stessa decisione da parte di Doveri, l’addizionale di Massa.

Juve superiore

Parliamo di una squadra che, avesse pareggiato, avrebbe dovuto andare a Santiago di Compostela in pellegrinaggio per la grazia ricevuta. Ospiti presi a pallonate, qualcosa come più di 20 tiri verso Donnarumma, il migliore dei suoi. Montella mette un treno merci davanti l’area a difesa del fortino. Durante il match, l’allenatore, toglie via via gli attaccanti per inserire solo giocatori di contenimento. Contro la Juve, ha fatto meglio persino il Crotone sul piano del gioco. Forse è questo che i giocatori del Milan hanno voluto cancellare. L’umiliazione di essere stati cancellati dal campo, messi al muro, impossibilitati a reagire se non con sporadici contropiedi. Meglio spostare l’attenzione su ipotetici errori arbitrali, meglio far casino, spaccare porte e suppellettili, lasciare scritte indegne. Questo hanno fatto i “meravigliosi” di un tempo, oggi decaduti a squadra di esauriti. Fino alla fine.

Esaurimento Milan, stasera Juve Porto per la Championsultima modifica: 2017-03-14T13:05:40+00:00da rickyapple
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento