Brutta Juve, sconfitta annunciata

Continua l’intermittenza della Juve di quest’anno, partita persa contro una modesta Fiorentina, Allegri troppo attendista

Juve sconfitta da una Fiorentina affamata

Juve sconfitta da una Fiorentina affamata

Ancora una volta, quest’anno, Juve sovrastata fisicamente a centrocampo dagli avversari, squadra in difficoltà con poche idee. Parliamoci chiaro, le parole le porta via il vento. Dire che bisogna essere bravi a motivare i giocatori alla fame di vittorie è facile, riuscire nell’intento è molto diverso.
Prima di entrare nel tecnico-tattico della gara contro la Fiorentina, credo sia di aiuto analizzare l’aspetto mentale di questa Juve.

Abbiamo fin qui perso in campionato contro:

Inter, Milan, Genoa e Fiorentina. Tranne la sconfitta contro i rossoneri, frutto più del caso che dei meriti della squadra di Montella, le altre tre sfide le abbiamo perse di gamba. Le gambe vanno di meno quando la testa non le motiva a fare quel metro in più e più velocemente dell’avversario. Le gambe girano meno quando si hanno in testa le tossine di un infortunio recente o di una febbre smaltita da poco.
Mettiamo insieme tutti questi fattori e non possiamo non osservare che ieri sera, tolto Sturaro, nessuno tra i bianconeri, ha fatto quel che c’è da fare quando vuoi mangiare avversario ed erba del campo. E’ successo che la Viola ha fatto quello che, fino a qualche tempo fa, solitamente facevamo noi. Inutile nasconderci. Questa squadra in quattro, cinque elementi storici, è satura di successi e trova difficoltà a trovare le giuste motivazioni.

Partenza ingannevole

Per assurdo, la buona partenza in campionato e l’anticipato passaggio del turno Champions, hanno fatto sì che subentrasse quel subdolo convincimento che, anche senza ammazzarsi di fatica, si possa vincere. Sbagliato. Se non battagli da Juve come negli ultimi quattro anni e mezzo, le prendi e rischi di finire la stagione in bianco.
Io vedo la fame dei nostri paladini solo dopo una sonora sconfitta. Rimesse le cose a posto, è come se il gruppo storico staccasse la spina.

Condizione fisica precaria

Complice anche la non perfetta condizione fisica, vedo Buffon poco incavolato, un Bonucci troppo molle per essere vero, un Barzagli statico e un Chiellini quasi a metà del suo potenziale fisico. Sulla mediana, Marchisio e Khedira sembrano diesel di vecchia generazione, poco ringhiosi e spesso superati da giovani sconosciuti dirimpettai di reparto. Imbarazzante direi.
In campo, facciamo pressing alto per un quarto d’ora e già sembriamo a corto di fiato. Di raddoppi di marcatura se ne vedono pochi e, spesso, fuori tempo, facendoci quindi  saltare. Tutto questo succede quando in campo la nostra intensità è una spanna sotto quella dell’avversario. Non riusciamo a cambiare l’inerzia della gara.

Immobilismo Allegri

In questo contesto, un Allegri come quello di ieri, immobile fino al due a zero avversario, mi pare senza dubbio strano. E’ già successo in questa stagione che gli avversari ci sovrastino nel gioco e che il tecnico fatichi a prendere le contromisure. Tardare a cambiare assetto, come nel caso di ieri, ci ha portato ad andare ulteriormente sotto. Forse, tatticamente, si sarebbe dovuto modificare all’inizio della ripresa ma tant’è.

Finiamo con un paio di osservazioni:

Partita giocata male, atteggiamento sbagliato, tutto vero eppure, Higuain e Dybala hanno avuto chiare e giganti, occasioni per il 2 a 2 e il mediocre Banti ha negato un rigore a Pjaca per fallo di mano del difensore viole. Insomma, noi ci mettiamo del nostro ma pure gli altri.

Brutta Juve, sconfitta annunciataultima modifica: 2017-01-16T14:05:43+00:00da rickyapple
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento