Rizzoli: Nessuna testata da Bonucci, mi avesse toccato avrei preso provvedimenti

Nicola Rizzoli ribadisce il non contatto con Bonucci chiarendo che è lui a mettersi di mezzo tra il difensore della Juventus e il giudice di linea

Rizzoli Bonucci

Rizzoli Bonucci

Nessun paragone con il caso Higuain, Nicola Rizzoli ribadisce quanto già espresso dopo il derby della Mole spiegando la dinamica dell’episodio, dinamica che, lo ripetiamo, è stata montata ad arte attraverso il fermo immagine di un video la cui prospettiva dà l’idea di un Bonucci testa a testa con Rizzoli. L’arbitro bolognese, premiato dalla fondazione “Dopo di Noi onlus” ha detto: : “Non mi ha dato nessuna testata. Sono stato io a spingerlo, per allontanarlo dal giudice di linea – ha spiegato il direttore di gara – Il giocatore ha semplicemente esagerato nelle proteste. Non c’è stata testa contro testa, le immagini non danno il senso vero di quello che è successo. Ci fosse stata la testata, non mi sarei limitato al cartellino giallo”.

Rizzoli continua: “C’è troppa esasperazione e scarsa conoscenza delle regole da parte di tutte le componenti del mondo del pallone, noi come arbitri dobbiamo avere l’umiltà di fare il mea culpa quando sbagliamo per migliorare la cultura calcistica. Gli altri – giocatori, dirigenti, allenatori e giornalisti – dovrebbero fare lo stesso”.

L’arbitro bolognese termina dicendo: “Credo che chi gioca in serie A debba sempre tenere conto che costituisce un esempio per chi sta alla base della piramide: il rischio di una violenza cieca e gratuita è sempre dietro l’angolo”

Rizzoli: Nessuna testata da Bonucci, mi avesse toccato avrei preso provvedimentiultima modifica: 2016-04-05T17:53:18+00:00da rickyapple
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento