Juventus bella ma sbadata

Juventus bella ma sbadata lascia due incredibili punti ad un Frosinone mai in partita, rinunciatario e fortunato nell’ultima stoccata

Juventus bella ma sbadata

Juventus bella ma sbadata, Cuadrado

La Juventus bella ma sbadata fa aumentare enormemente il rimpianto per una partita che poteva decisamente rilanciare le ambizioni bianconere. Contro un brutto Frosinone, la Juventus bella ma sbadata, ha concesso non più di 2 tiri di numero, entrambi su tiro da fermo. Nel primo caso, dopo un paio di carambole il tiro degli ospiti ha incocciato il palo, nel secondo, arrivato a seguito di un calcio d’angolo, l’ultrà bianconero Blanchard, insacca di testa. In mezzo ai due tiri dei laziali, una Juventus bella ma sbadata, tecnica il giusto ma poco cattiva, quella cattiveria agonistica che non ti fa mollare di un centimetro su ogni pallone. Dispiace tanto perché una partita del genere va portata a casa senza alcun tipo di problema. Padroni assoluti del gioco, squadra avversaria presa a pallonate sia nel primo tempo, pur non giocando il miglior primo tempo della stagione, sia nella ripresa, quando i ragazzi di Allegri hanno preso d’assalto l’area degli ospiti. La partita di ieri mi ha ricordato per tipologia, un Roma-Juve giocato dalla squadra di Lippi nel lontano 1996. Una Juve spettacolo costrinse per quasi tutta la partita i giallorossi ad assistere inermi alle giocate dei vari Zidane, Jugovic, Di Livio, BokSic e Deschamp. In difesa, quella squadra, annoverava gente tipo Montero e Ferrara, ma ciò non bastò, dopo un dominio assoluto, a non farsi beffare al 48° della ripresa da Delvecchio. Ovviamente, questa Juve di oggi non è paragonabile a quella che sarebbe poi diventata Campione del Mondo, ma le analogie sull’andamento del match ci sono tutte. Poi, capisco che la rabbia per la mancata vittoria possa condizionare il giudizio sul match ma oggettivamente, la partita, è stata comunque condotta con sufficiente autorevolezza. Veniamo ai singoli di questa Juventus bella ma sbadata. Buonissima prova di Lemina, leggermente condizionato sul finale da un acciacco ad una gamba. Ottimo Cuadrado, vera spina nel fianco della difesa ospite e creatore di gioco offensivo per i nostri colori. Buona, di carattere e voglia, la prestazione di Zaza, giocatore che spero possa trovare più continuità di impiego perché ha dimostrato di poter dare una grossa mano anche nei fase difensiva. Il pacchetto difensivo si è ben comportato durante tutta la gara, il goal di Blanchard macchia però la valutazione finale. Pogba ancora troppo lezioso, poco incisivo e lontano da quello ammirato nei suoi momenti migliori. In difficoltà Sturaro, ottimo Pereyra mentre, sicuramente, oltre la sufficienza è stata la prestazione di Alex Sandro. Neto non ha convinto nell’unica occasione in cui poteva fare qualcosa, uscire sul quel maledetto calcio d’angolo.

Juventus bella ma sbadataultima modifica: 2015-09-24T12:31:28+00:00da rickyapple
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento