Zemanlandia, calciospettacolo dei poveri

zemanlandia.jpg

La Juventus si diverte con Zemanlandia, ridicolizza il calciospettacolo dei poveri, la preparazione ‘spacciata’ dai media come la più dura e massacrante dell’universo pallonaro, ammutolisce il ‘Guru’ che predica, predica, predica ma non vince mai.

Per Zeman, visto l’andazzo in campionato, un posto nei salotti di Rai Sport o Sky Calcio Show è quasi pronto. Oltre ai proclami davanti a tv e pennivendoli di borgata, il boemo vince solo battaglie insignificanti e questo, succede oggi come ieri, in un calcio dove il ‘lupo cattivo’ Moggi non c’è più.

Zemanlandia, il calcio che Angelo Mangiante, inviato fisso a Trigoria per conto di Sky Sport 24, ha spacciato per tre mesi come prodotto fantasmagorico, spettacolo liquido accompagnato da una preparazione fisica in grado di schiantare qualsiasi avversario. Ricordate quanta enfasi nei vari servizi tv riguardo gli allenamenti sui gradoni? Tutto sgonfiato, appallottolato e buttato a mare per colpa, prima di Ferrara e della sua Samp, poi della Juventus di Conte e Carrera.

Tanta juventinità, poche parole e il rispetto del verdetto del campo. Guardate che sulla gara c’è poco da dire. La Juventus ha sfruttato tutto quello che l’allegro, e anche poco didattico calcio di Zeman, permette di sfruttare.

Pirlo ha giostrato in orizzontale e in verticale libero da ogni marcatura. I due attaccanti hanno ballato tra i due centrali giallorossi, irridendoli più volte sulle uscite a palla scoperta. Vidal e Marchisio hanno disintegrato il centrocampo ospite facendo il bello e cattivo tempo.

Non vedo tante altre situazioni da raccontare. Il quarto goal sintetizza la gara perfetta condotta dalla Juventus. Zemanlandia si ferma a Torino e denuncia imbarazzanti limiti tecnico-tattico del suo capo villaggio, il ‘moralizzatore’ di quelli che non arrivano mai.

Juventus Pagelle

Buffon 6,5 lavoro ordinario, poco convinto sul rigore.

Barzagli 7,0 in controllo sulle sterili punte giallorosse si toglie lo sfizio di una cavalcata da centometrista con assist vincente per Sebastian.

Bonucci 6,5 gioca bene quasi tutta la partita. Ingenuo quando regala il rigore a Destro.

Chiellini 6,5 si batte come un leone, generosità allo stato puro.

Caceres 6,5 buona la fase difensiva e sufficiente anche la spinta come laterale alto

Vidal 6,5 stantuffo del centrocampo gioca la prima parte della gara pressando in ogni centimetro del campo. La ripresa la passa controllando le poche iniziative giallorosse.

Pirlo 7,0 sblocca il risultato su punizione e regala una prestazione fatta di aperture al bacio per chi si infila nelle praterie degli sgangherati avversari.

Marchisio 7,5 queste sono le prestazioni del Principino. Una gara perfetta per qualità e quantità. Manca il goal per un soffio ma è solo un dettaglio in un oceano di buone cose.

De Ceglie 6,5 parte titolare e dimostra di saper fare bene quello che gli chiede Conte. Sempre puntuale in appoggio al gioco d’attacco fa ottime cose anche in diagonale difensiva.

Matri 6,5 migliorato molto in fase di dialogo con i centrocampisti. Realizza un bel goal e ne sfiora almeno un altro con un pallonetto che solo l’altezza del numero uno giallorosso riesce a stoppare.

Vucinic 6,5 bella partita. Giocatore indispensabile per far girar bene il gioco offensivo. Prende una traversa e sfiora il goal con un paio di sassate dal limite.

Giovinco 6,5 entra e si fa trovare subito pronto per affondare in rapidi dialoghi con Vucinic. La rete è un piccolo gioiellino stile Sebastian.

Asamoah 6,5 gioca da interno sinistro quando serve il controllo più che l’affondo. Fa bene quel che deve fare.

Pogba 6,5 in pochi minuti riesce a dare forza e fisicità importanti a centrocampo. Utilissimo.

Zemanlandia, calciospettacolo dei poveriultima modifica: 2012-09-30T10:39:19+00:00da rickyapple
Reposta per primo quest’articolo